Shaolin Kung Fu

Cos'è uno stile di un'arte marziale?
Il concetto di stile è u po' complicato, e nelle arti marziali cinesi se ne possono contare più di 1500. con la parola "stile" si intende una particolare scuola di pratiche marziali, che ha i suoi specifici metodi di pratica, tecniche preferite e pone l'accento su determinati tipi di attacco o difesa. mentre è impossibile quantificare le differenze tra molti stili nel campo difensivo, è facile vederne le differenze tra i disparati apporcci al combattimento come praticati dagli stili della tigre, della scimmia e della gru. Nello scegliere uno stile cercate di trovare quello che più su avvicina alle vostre capacità fisiche, interessi e al vostro senso dell'utilità. Non è bene studiare colpi di gambe e tecniche incentrate sui salti se hai la flessibilità e la mobilità di una tartaruga! D'altro canto con la pratica regolare il Gung Fu (trasposizione della parola Kung Fu in cinese "moderno") aumenta le capacità fisiche e le abilità prettamente fisiche, così da permettere ad un esperto di scegliere lo stile che preferisce, scelta che se praticata da un principiante puù essere controproducente anche a livello di motivazione e intensità di studio, causata dagli scarsi risultati dovuti dalla non perfetta risposta del fisico.

Arti Marziali: Dure vs. Morbide, Esterni vs. Interni
Gli stili interni, o "morbidi, come l'Aikido giapponese e pochi altri stili cinesi, coltivano una grande energia misteriosa chiamata "Chi".

Comunque tutti hanno il "chi", in pochi l'hanno coltivato, e ancora meno sanno come utilizzare questa energia. Ma, d'accordo con la filosofia cinese, questa energia è un potente elisir per vivere bene e a lungo, che si può aumentare con la pratica delle arti marziali interne.

Specificatamente, sostengono che il Chi risieda e si sviluppi nel Tan Tien, che è un punto posto cinque/sette centimetri sotto l'ombelico. Una volta che il Tan Tien è pieno il Chi si dirama in tutto il corpo dove viene immagazzinato dal midollo osseo. Praticando le arti marziali si sviluppa questa energia che percorrendo il corpo rinforza le ossa di rinforzano, i muscoli di potenziano e si rilassano e lo stato di benessere dell'intero organismo migliora.

Il concetto di arti Dure/morbide e estene/interne non è facile da spiegare. in termini di stile la amggior parte delle persone sono familiari con il concetto che il Karate quale esempio di arte marziale dura e al contrario l'Aikido o T'ai Chi come arti marziali morbide. Uno stile duro e considesato quello stile dove la forza viene contrapposta alla forza, un blocco è usato per deviare un attacco in arrivo con un'inclinazione di 90° di angolo. Le arti marziali morbide non contrappongono la forza alla forza, ma tendono a sbilanciare la forza dell'avversario con movimenti fluidi. Ci sono usi sia per le tecniche dure che per quelle morbide, a seconda della situazione e dipendentemente dalle quantità di forze in gioco.

Uno stile esterno è principalmente relativo alla forza fisica, e alle abilità corporali per battere il nemico. in contrasto con ciò, gli stili interni, fanno più affidamento sull'energia interna, in Chi. L'Aikido, ai massimi livelli, è uno stile interno, mentre la maggior parte degli stili di Karate sono esterni.

I requisiti di un buon combattente
1. essere tanto grazioso quanto gatto
i movimenti devono essere chiari, semplici e graziosi come quelli di un gatto.

2. essere tanto aggressivo quanto una tigre
La tigre personifica il coraggio e l'aggressività. Ciò significa che fronteggiando un nemico devi prima di tutto batterlo in coraggio. Avanzare con severità, ritirisi senza alcuna confusione, valutare la situazione reale e colpire pesantemente con balzi taglienti il nemico.

3. cammina come un drago
il dragone in cina è il simbolo della forza e della potenza, quindi il passo deve essere forte, potente e risoluto. se il passo non è risoluto, qualcosa con i pugni potrà esere sbagliato. un passo non confidenziale significa una carenza tecnica di braccia. i passi seguono i movimenti del corpo. quando il passo è finito, anche i movimenti del corpo sono finiti.

4. agisci come la scarica di un fulmine
devi essere rapido come un fulmine a colpire ed a reagire ad ogni cambiamento. Il pugno deve essere veloce come la luce di un lampo. devi pugilare così velocemente da non sentire il momento dell'impatto del pugno. se il tuo pugno va a vuoto non devi sentirlo.

5. Gridare come un tuono
nella battaglia i colpi più potenti devono essere sostenuti da urla altrettanto potenti per favorire il flusso del jin.

6. muoversi come una folata di vento
devi muoverti con tanta veemenza quanto una forte folata di vento. se cominci ad attaccare con un attacco frontale, usa la tua forza usa la tua forza sia a destra che a sinistra seguendo il principio "Il pugno è visibile, il colpo è invisibile" e "Se non vedete la vostra mano colpire il nemico, non vedrete mai questo nemico."

7. rimanere come un chiodo
devi rimanere su un piede come un chiodo

8. essere tanto resistente quanto una montagna
Si dovrebbe effettuare le posizioni come una montagna che non può essere smossa. Si dovrebbe addestrare la posizione "mapu" e la posizione "del palo". Queste due posizioni sono i metodi più importanti per addestrare gambe forti e per regolare la respirazione.

9. essere tanto leggero come un'oca in volo
devi muoverti in giro tanto velocemente e con leggerezza e rispondere istantaneamente agli attacchi come un'oca in volo si adatta istantaneamente alle più leggere brezze.

10. essere morbido come un batuffolo di cotone
prima della completa rigidità all'impatto del colpo, devi fare il vuoto dentro di te e dargli vita.

11. duro come l'acciaio
Con l'aiuto di alcuni metodi di condizionamento fisico, le braccia e le gambe del combattente devono diventare duri come il ferro e nel contatto con il nemico dare una sensazione di contatto con oggetti metallici.

Gli stili del Gung Fu
Gli stili del Gung Fu possono essere divisi in tre classi principali: stili del tempio di Shaolin, gli stili derivati da quelli del tempio o esterni al tempio, e gli stili familiari, o Pai. Ci sono due grandi divisioni negli stili del tempio di Shaolin. Gli stili del sud sono principalmente orientati all'uso delle mani come armi di difesa ed attacco, mentre negli stili del nord si enfatizzano i colpi di gamba e piede.

Gli stili dello Shaolin classico del nord consistono prevalentemente nelle tecniche della Mantide Religiosa del nord, nella Gru Nera e nella tecnica della Tigre Nera.

Gli stili dello Shaolin classico del sud consistono prevalentemente nelle tecniche della Gru Bianca, la Tigre, il Drago, il Leopardo, il Serpente e la Mantide Religiosa del sud.

Ci sono anche stili che derivano da quelli praticati nel Tempio di Shaolin come il Wing Chun e l'Hung Gar.

Molti dei movimenti sono la trasposizione delle abitudini degli animali. Un sistema comprende generalmente le movenzee di un animale soltanto. Comunque molti stili non sono così limitati, ad esempio lo stile della mantide religiosa del nord usa le tecniche di mano della mantide unite a quelle della tigre, in oltre a quelle di piede della scimmia e degli altri stili del nord.


Differenze tra gli Stili
In termini generali, gli stili seguono specifici obiettivi di allenamento e di miglioramento. Le movenze del Drago, ad esempio, sviluppano il senso di allerta e la concentrazione. questi movimenti sono eseguiti senza l'applicazione della forza, ma enfatizzando la respirazione diaframmatica tramite la concertazione mentale massima unita alla concentrazione fisica e spirituale. I movimenti sono lunghi, fluidi e continui e forniscono ai praticanti di Shaolin classico l'equivalente dei benefici ottenuti dal t'ai chi o dal pakua.

Le movenze della Tigre sono ideate per sviluppare le ossa, i tendini e i muscoli. l'esecuzione di questi movimenti è completamente l'opposto di quella del Drago, in quanto l'enfasi è portata sulla potenza muscolare e la tensione dei muscoli è dinamica. i movimenti sono corti, scattanti e potenti.

Le movenze del Serpente sono studiate per sviluppare il temperamento e la resistenza. La respirazione è lenta, profonda, morbida e armoniosa. I movimenti sono fluidi e flessuosi con efasi sulle dita che rappresentano la lingua del rettile.

Le posture della Gru sono utilizzate per sviluppare il controllo, il carattere e lo spirito. L'enfasi maggiore è data ai movimenti leggeri, ai rapidi giochi di gambe e alle tecniche evasive d'attacco. Le forme basate sull'equilibrio su una sola gamba sono effettuate con una considerevole meditazione.

La posizione del Choy li fut (Ma Pu) è basata sulla postura detta "del cavaliere", in quanto gli la pratica sembra che stia appunto, cavalcando un cavallo (posizione 4 dello schema). è tipica dello Shaolin del nord. Ci sono solo 3 tipi di calci nel sistema originale.solo "recentemente" è entrata nello stile del sud, in quanto era indispensabile avere una posizione solida e di equilibrio quando si combatteva sulle barche.

Il prossimo sistema analizzato è quello della Gru, che è tradizionale nelle pratiche di Shaolin Kung Fu. Una leggenda è collegata anche a questa tecnica e alla sua nascita. un giorno un monaco osservò una battaglia tra una scimmia e una gru. sembrava quasi che la scimmia volesse spaccare la gru in due. comunque la gru con il suo battere d'ali e le sue beccate respinse la scimmia, che si allontanò. La grazia dei movimenti dell'uccello fu copiata come la sua postura su una zampa sola. Le armi principali di questa tecnica sono i calci lunghi e la tipica posizione della mano, che imita il becco della gru.

Il sistema del Cobra è molto strano, vicino a sparire, si basa sulla istanza del cobra che si alza dal prato con le ali auricolari aperte. le movenze sono strettamente difensive in natura, veloci e con effetti devastanti. il cobra è famoso per la sua velocità e tenacia e quando colpisce per l'avversario solitamente c'è poco da fare.La maggior parte delle tecniche colpisce le mani, gli occhi e la gola dell'avversario.

La Tigre è un altro sitema derivato dalle movenze del mondo animale, all'opposto di quello della Gru. è un metodo vizioso che tuilizza calci potenti e movimenti artiglianti. Come la tigre, il professionista combatte ferocemente,strappando e rompendo tutto lo spazio che è lasciato scoperto dall'avversario. è molto difensico in natura, che spinge l'avversario in un angolo per poi liberare tuttaa la sua potenza "artigliante". Questi attacchi, principalmente di mano, rispecchiano l'attacco della tigre,ed è anche utile come difesa disarmata contro qualcuno che è armato colpendo la mano arnata oppure impugnando l'arma compresa la amno dell'avversario e con forza strattonando il braccio "nemico" fino a che lui non lasci cadere l'arma.

Il Serpente un sistema che si pone tra quelli alti e quelli bassi. uno dei sistemi pi facili da imparare e anche uno dei pi pericolosi. La ragione nel sistema di transizione tra i movimenti dello spirito concentrati in un sistema basso. i movimenti dello spirito sono in continuo movimento e fluiscono incessantemente, come il moto delle nubi. l'applicazione fisica di questo sistema spirituale l'attacco ripetuto (credo, il testo originale un po' incasinato) del volto, la gola e i genitali dell'avversario.il Ch'i presente nel professionista poich il suo corpo imita un serpente nei relativi arrotolarsi, movimenti ondeggianti; un flusso adeguato di Ch'i, che fornito da questo sistema, ne favorisce il successo. un animale dalla natura terricola, tuttavia in qualche modo spirituale, a ci si deve il relativo carattere misterioso. Il serpente stato definito come il guardiano dei draghi.

i precetti del Kung Fu Shaolin

1. Prima di tutto, è necessario che il corpo sia agile, veloce ed energico. Ad esempio, se fai un passo, la tua mano deve fare il corretto movimento di bilanciamento; i movimenti di tutte le parti del corpo devono essere coordinati. quando colpisci, cerca di non guardare l'ombra della tua mano, non prestare troppa attenzione alla tua mano. devi aumentare sempre di più le tie abilità, solo così potrai raggiungere risultati soddisfacenti.


2. il secondo precetto: il movimento e il riposo delle braccia e delle gambre deve essere coordinato.i movimenti del cuore che permettono la diffusione del Qi nascono dal "dantian"(tain tien). l'energia del Chi ti porta coraggio e volontà come una tigre e un dragone. se forzi il Qi (Chi) in una sola parte del corpo durante un colpo devi equilibrare le forze emettendo un urlo proporzionale al Qi che focalizzi nell'azione.


3. il terzo principio delle arti marziali è il seguente:
Durante la lotta i cinque elementi devono essere fusi tra loro. per capire come essi si fondono devi osservare la natura e l'universo attorno a te. se capisci le leggi della vita e dei cinque elementi, capirai la bellezza delle arti da combattimento. ogniuno dei cinque elementi da origine ad una energia chiamata Chi. questa energia è la base che permette al corpo di agire. se comprendi le mutue trasformazioni, potreai spostare oggetti pesantissimi con il solo colpo della tua mano o del piede. questo precetto insegna anche che il sangue e il chi devono essere in armonia tra loro. se il sangue e il Chi sono in armonia e in buona salute, l'uomo ha buona salute e forza ferrea.


4. la quarta regola presuppone la conoscenza degli otto punti detti "ba tiao". ad esempio, muovere in alto e in basso, ritirisi, ma la ritirata sembra essere un avanzamento. se segui questa legge, gli otto successi diventeranno più impressionanti. A causa di esso i movimenti in su saranno energici ed i movimenti giù saranno flessibili e molli e tutti i movimenti saranno coordinati.
Dovete essere preparati per venire a contatto di un nemico che compare, sparisce e compare ancora. Il nemico può essere pericoloso come tigre liberata dalla relativa gabbia. Tuttavia, se si riesce in un istante a girare per difendersi dalla parte anteriore e dalla parte posteriore, la difesa assomiglierebbe più ad una protezione divine su tutti i lati. Dovreste potere girare molto rapidamente per affrontare l'attacco del nemico dalla parte di sinistra e dalla destra. Se vi ritirate, dovete chiudere il nemico in una presa. Durante l'attacco la furia sarà . In quel caso assomiglierete alle tigri ed ai leopardi infuriati della neve. Un piccolo uccellino che coglie la possibilità può volare sopra un'alta montagna.


5. il quinto precetto riguarda ciò che si dovrebbe sapere su ciò che una arte marziale sia: la vostra precisione deve essere divina, è meglio fare cinque passi in più che perdere cinque centimetri di precisione nel colpo. ci sono movimenti differenti durante un combattimento. i passi misurati(qun bu) non dovrebbero essere separati da più di un metro. In una lotta la vostra vita è in gioco tutto il tempo, perciò i passi devono sempre essere misurati e cauti. I passi costanti dovrebbero essere separati da un metro e mezzo, e die grandi passi (due balzi) dovrebbero superare la distanza di tre metri. un passo veloce (kuai bu) è un metro e mezzo. In effetti, è un salto orizzontale che è fatto con forza energica delle coscie e dei piedi . Un salto rovesciato(Bu zhan) è un grande salto ascendente, andrebbe fatto in modo circolare.

6. il sesto precetto è la conoscenza dele braccia e delle gambe durante la battaglia. un punto importante del combattimento Shaolin è il lavoro di pugni. i metodi pugilistici si preficcono di colpire il nemico, bucarlo e farlo a pezzi. Il braccio dovrebbe piegarsi senza piegarsi e distendersi senza distendersi in modo che il nemico non possa seguire i movimenti ed non abbia potuto la vista del colpo che gli arriva. Le braccia dovrebbero coprire il torace con una velocità di un lampo. L'attività e l'addestramento dei tendini determinano la forza delle braccia. Il pugno deve essere una sorpresa, in modo da il nemico non possa evitarlo. Il braccio deve fare un taglio esatto, volando in su e prontamente, se necessario, andando giù. Benchè come il corpo è girato e le mani sono bloccate dal nemico, ci sia sempre una probabilità liberarsi, come un pesce ha sempre una possibilità di trovare le correnti d'acqua giuste. Se in un combattimento ravvicinato uno mano è bloccata o entrambe le mani sono neutralizzate, potete colpire con una gomitata. Il vostro pugno può essere diretto nelle pudenda del nemico dal basso. I movimenti delle gambe sono più misteriosi. Ci sono sette lavori di gambe: "qi" - montante, "fan" - capovolgente, "lo" - cadendo, "zhin" - in avanti, "Ti" - calcio, "qai" - calcio, "zhuan" - calcio. Tutti gli cinque elementi naturali uniscono in un "Chi", i piedi agiscono all'unisono colpendo da davanti e da dietro, in modo che sia impossible avvicinarsi. Passo dopo passo e senza fare nessun suono tranne iil rumore delle suole che toccano terra dopo i colpi. le gambe sono come le tigri o i draghi feroci nel cielo.


7. la settima regola è incentrata sull'uso simultaneo delle braccia e delle gambe, perchè durante il combattimento si muovono entrambe e il loro moto dipende da come si muovono le altre. se furiosamente usi solo le braccia, il risultato può essere soddisfacente; la ragione è: quando avanzi, i tuoi piedi, agiscono in completo accordo.
si può riassumere il tutto con lo sviluppo delle seguenti qualità: mente, padronanza del corpo, umanità, velocità e furia. durante il combattimento queste qualità daranno risultati miracolosi. il lavoro mentale - "gong" significa che si dipende esclusivamente dalla Propria mente. padronanza del corpo - "shun" significa che bisogna allenarsi lungamente per rendere le tecniche naturali. umanità -"yong" significa avere buoni propositi e combattere per questi. velocità - "ji" implica che nel combattimento corpo a corpo i movimenti debbano essere veloci come lampi. furia - "hen" è richiesta solo nel momento del TUO attacco. dovresti conoscere il tuo nemico. devi trovare i suoi punti deboli.


8. l'ottavo precetto.dovresti sapere che le arti da combattimento ruotano intorno alla difesa e questo concerro da il tempo della manifestazione e degli scopi. se unuomo vive questi principi in armonia con le sue azioni, diventerà invincibile. la regola del coprire "ting" consiste nella necessità di una permanente protezione in tutte le direzioni.Inoltre, si non deve dimenticare che il nemico può colpire da sopra e da sotto. la regola dell'apertura - "kai" consiste nella necessità di apertura dei vostri punti deboli o forti secondo la situazione a sinistra o a destra e nella necessità di trasporto e di ricezione dei colpi con il supporto della forza dei tendini. Sia il pugno che la palma devono essere formati durante il contatto. la regola delle manifestazioni distinte - "zhe" è usata per il lavoro delle braccia, del corpo, della testa e del cuore. Al momento di un'azione ci dovrebbe essere una manifestazione libera ed efficace. Se agite, dovete essere feroci come tigre e se manifestate un sentimento, deve essere una furia spaventosa. Il vostro grido dovrebbe stordire il vostro nemico. Dovreste potere vincere senza una lotta, soltanto con il vostro grido più forte. Questa regola che consiste di pochi ideogrammi è più preziosa dell'oro. La regola dello scopo - "lo zhui" è costituito in quanto segue. Dovrete usare tutte le opportunità di perseguire il nemico e non dovreste dargli una probabilità organizzarsi. Non appena i passi diventano più velocemente, dovreste usare questa occasione per raggiungere al nemico. Se a quel momento agirete come lampo e tuono, potete prendere chiunque di sorpresa.

9. la nona regola degli artisti marziali è la seguente. i tre elementi umani -occhi, orecchie e intellicenza- devono essere in armonia. Devi avere occhi attenti ed attivi e seguire tutti i movimenti del nemico tutto il tempo. Dovete puntare le vostre orecchie per percepire i movimenti ed il resto. Dovresti avere orecchie acute per sentire le voci delle tigri e dei leopardi della neve dagli otto lati dell'universo. Gli occhi osservano, le orecchie ascoltano e trasmettono le informazioni ricevute al cuore. Se il cuore è luminoso e gli occhi sono attenti, non commetterai errori.


10. la decima regola per chi pratica le arti marziali è la seguente. usate i tendini, perché lo "shen", la capacità di usare le fonti spirituali, concede di realizzare un grande successo. I tendini sono i capi delle ossa. Se i tendini tremano, l'energia "chi"" è sprecata. Ancora, i tendini sono trasmettitori delle informazioni di tre sensi (visione, udito e mente). Se ne siete in possesso, è un grande successo.

 

Torna all'Indice